Warren BARGUIL

Warren Barguil è un ciclista francese nato il 28 ottobre 1991 a Hennebont, Morbihan. È uno degli ambasciatori Ekoï. Dopo averle permesso di conoscere tutto sul Team Arkéa Samsic , è ora di dare uno sguardo più da vicino ai suoi principali corridori. Così, in questa occasione, le offriamo un focus sul pilota bretone Warren Barguil.  
70,41 € 108,33 € -35%
Casque EKOI GARA ARKEA SAMSIC JAUNE FLUO
124,99 €
2 x rate senza interessi : 62,50 €
Casque EKOI GARA ARKEA SAMSIC
124,99 €
2 x rate senza interessi : 62,50 €
149,99 €
3 x rate senza interessi : 50,00 €
108,33 €
2 x rate senza interessi : 54,16 €
108,33 €
2 x rate senza interessi : 54,16 €
100,00 € 166,66 € -40%
2 x rate senza interessi : 50,00 €
54,16 € 83,33 € -35%
154,16 € 249,99 € -30%
3 x rate senza interessi : 51,39 €
149,99 €
3 x rate senza interessi : 50,00 €
149,99 €
3 x rate senza interessi : 50,00 €
166,66 €
3 x rate senza interessi : 55,55 €
166,66 €
3 x rate senza interessi : 55,55 €
149,99 €
3 x rate senza interessi : 50,00 €
10,41 € 20,83 € -50%
100,00 € 166,66 € -40%
2 x rate senza interessi : 50,00 €

Warren Barguil è un ciclista francese nato il 28 ottobre 1991 a Hennebont, Morbihan. È uno degli ambasciatori Ekoï.
Dopo averle permesso di conoscere tutto sul Team Arkéa Samsic , è ora di dare uno sguardo più da vicino ai suoi principali corridori. Così, in questa occasione, le offriamo un focus sul pilota bretone Warren Barguil.

Chi è Warren Barguil?

Warren Barguil, soprannominato Wawa, è un ciclista classificato come scalatore-puncher.

Il ciclista bretone ha iniziato a pedalare a 7 anni con la BMX, una disciplina che avrebbe praticato per sei anni prima di passare al ciclismo su strada.

Nel 2009, nel suo secondo anno da junior, dopo diverse vittorie (tra cui il Tour du Morbihan Juniors), divenne Campione francese junior su strada che gli permise di partecipare al Giro dell'Istria.

Nel 2011, all'età di 19 anni, e per la sua prima partecipazione, vinse una tappa del Tour de l'Avenir con i colori della squadra francese e finì al 5° posto assoluto.

Nel 2012 si è unito al CC Etupes. Questo cambio di squadra gli permise di vincere numerose gare quell'anno, tra cui la Essor Basque e la Essor Breton. Al Tour de l'Avenir, ha fatto il pieno: oltre a vincere una tappa, ha preso la classifica generale, la classifica a punti e la classifica di montagna.

Carriera professionale di Warren Barguil

Nel 2013, Warren Barguil fece il suo esordio professionale con la squadra Argos-Shimano, nella quale era stato apprendista durante la stagione 2012.
In estate, mentre partecipava alla Vuelta in Spagna per la prima volta nella sua carriera, vinse la sua prima tappa in un grande tour, prima di ripetere l'impresa tre giorni dopo, a soli 21 anni.

Nel 2014, pur avendo fatto del Tour de France il suo obiettivo per la stagione, non fu selezionato per la corsa, nonostante fosse arrivato nono nel Tour di Catalogna. Ha poi partecipato al Giro di Spagna, che ha concluso senza una vittoria di tappa ma all'ottavo posto assoluto. Warren Barguil qui detiene la sua prima top 10 in un grand tour.

Nel 2015, Warren Barguil ha finalmente scoperto le strade del Tour de France ed è arrivato quattordicesimo assoluto, e terzo miglior giovane dietro Nairo Quintana e Romain Bardet. L'anno seguente avrebbe rivelato che, a seguito di una caduta nella decima tappa, aveva finito la gara con una rotula fratturata.

Nel gennaio 2016, mentre partecipava ad un campo di allenamento in Spagna con la sua squadra, Warren Barguil e cinque dei suoi compagni di squadra furono investiti da un'auto. Nonostante uno scafoide fratturato e un infortunio al ginocchio, è tornato a correre a marzo al Giro di Catalogna. Nonostante un terzo posto assoluto nel Giro di Svizzera e un sesto posto nella Liegi-Bastogne-Liegi, non è riuscito a tornare al suo vero livello: è arrivato 23° nel Tour de France quando puntava a un piazzamento nella top 10, e si è ritirato dopo 3 tappe nel Giro di Spagna.

Nel 2017, quando la squadra Giant-Alpecin si è ribattezzata Sunweb, Warren Barguil ha brillato nuovamente sulle strade del Tour de France. Battuto in uno sprint da Rigoberto Uran nella nona tappa, quel giorno ha indossato la maglia a pois del miglior scalatore, che avrebbe mantenuto fino al traguardo di Parigi sugli Champs-Elysées. Ma non si accontentò della maglia a pois perché, pochi giorni dopo, vinse finalmente per la prima volta in carriera sulle strade del Tour de France, prima di ripetere l'impresa da solo in cima al Col d'Izoard durante la diciottesima tappa, diventando così il beniamino del pubblico e scatenando una vera e propria "wawa mania" sulla sua strada.
Per premiare il coraggio dell'uomo che non ha esitato a prendere diverse fughe e attaccare più volte per difendere la sua maglia di miglior scalatore, è stato anche votato super combattivo.

Nel 2018, con sorpresa di tutti, ha firmato per la squadra bretone Fortuneo-Samsic, classificata nella Pro Continental. Dopo aver corso per una squadra del World Tour, Wawa dice che voleva ricollegarsi alle sue radici bretoni.
Partecipò al Tour de France con l'obiettivo di vincere una tappa ma, nonostante vari tentativi, non ci riuscì. Mentre cercava di lottare per la maglia di miglior scalatore, non è riuscito a finire al secondo posto dietro Julian Alaphilippe e alla fine ha concluso al 17° posto assoluto, concludendo una stagione poco brillante.

Nel 2019, dopo un inizio di stagione rassicurante, fu vittima di una pesante caduta sulla Parigi-Nizza che lo costrinse ad abbandonare in seguito ad una distorsione cervicale. Alla ripresa del Tour di Catalogna, si fratturò l'osso dell'anca in un'altra caduta.
A fine giugno si prese la sua rivincita diventando campione francese su strada per la prima volta nella sua carriera professionale.
Pochi giorni dopo, quindi, prese la partenza del Tour de France con la maglia tricolore sulle spalle. Nonostante diversi tentativi, non ha vinto una tappa ma ha terminato il Tour de France al decimo posto assoluto.
In agosto, ha quasi vinto la sua prima corsa a tappe nella Artic Race of Norway, ma alla fine ha fallito arrivando secondo per 1 secondo nella tappa finale. Il suo contratto con Team Arkéa-Samsic (il nuovo nome della squadra) viene esteso per tre anni, nonostante Nairo Quintana si sia unito alla squadra.

Nel 2020, con la stagione fortemente influenzata da Covid, Warren Barguil partecipa a poche gare.
Dopo un inizio di stagione soddisfacente (2° nella Drôme Classic), ha partecipato al Tour de France a settembre con la missione di sostenere Nairo Quintana. Infine, in seguito alla mancanza di forma fisica del colombiano, il corridore bretone ha assunto la guida della squadra e si è classificato quindicesimo nella classifica generale.
Ha concluso la sua stagione con diversi piazzamenti nella top 10 nelle classiche di Arden (4° nella Flèche Wallonne, 5° nella Flèche Brabançonne, 9° nella Liegi-Bastogne-Liegi).

Il suo record professionale su strada

Campione francese su strada nel 2019
Campione francese junior su strada nel 2009

Tour de France:

  • 2 vittorie di tappa nel 2017;
  • Migliore piazzamento complessivo: 10° nel 2017 e nel 2019.

Tour della Spagna:

  • 2 vittorie di tappa nel 2013;
  • Migliore piazzamento complessivo: 8° nel 2014.

2020:

  • Secondo nella Drôme Classic;
  • 4° nella Flèche Wallonne;
  • 9° nel Critérium du Dauphiné;
  • 9° a Liegi-Bastogne-Liegi.

2019:

  • Secondo nella Gara Artica della Norvegia;
  • 3° nella Drôme Classic;

2018:

  • 3° nel Gran Premio di Vallonia.

2017:

  • 6° nella Flèche Wallonne;
  • 8° a Parigi-Nizza;

2016:

  • 3° nel Tour de Suisse;
  • 6° a Liegi-Bastogne-Liegi;
  • 8° nel Giro di Lombardia;
  • 9° nella Flèche Wallonne;

2015:

  • 9° nella Clasica San Sebastian;
  • 9° nel Grand Prix Cycliste de Québec.

2014:

  • 6° nel Giro di Pechino;
  • 9° nel Giro di Catalogna;

2012:

  • Tour de l'Avenir - Vincitore di una tappa, della classifica generale, della classifica a punti e della classifica della montagna;
  • Essor Basque - Vincitore della classifica generale;
  • Essor Breton - Vincitore della classifica generale.

Ora sa tutto quello che deve sapere su Warren Barguil. Che ne dice di fare lo stesso con Nairo Quintana o Nacer Bouhanni?

Newsletter EKOI

Iscriviti alla nostra newsletter per non perdere le offerte Ekoi Racing

il formato e-mail è errato. Ti preghiamo di verificare
Si è verificato un errore.
Questa e-mail è già registrata.
Iscrizione effettuata.
Continua i tuoi acquisti su ekoi classic Continua i tuoi acquisti su ekoi racing